Io, utente della Salute Mentale, durante il Covid ho lavorato

La testimonianza di un utente della Salute Mentale durante l’isolamento covid.

In questo periodo, che c'è il coronavirus, cosa sto facendo?

Io sto andando a lavorare, perché lavoro in un supermercato.

 

FotoSalvo

La mia azienda sì rifornisce dal magazzino di Padova e non ci arriva tutto perché hanno deciso di servire prima le zone più colpite.

Io mi alzo alle 4:30 per iniziare a lavorare alle 6, mettendo a posto frutta e verdura. Poi già alle 7:30 mi ritrovo la fila fuori e penso tra me e me “ma questa gente perché viene in fila un'ora prima?” E mi rispondo “probabilmente ha paura di non trovare tutto.” E in effetti è così. In più dobbiamo fare entrare 8 persone alla volta dentro perché essendo un negozio da 300 Mq c'è stato detto così.

Poi finito al lavoro alle 10 torno a casa. Faccio la doccia, gioco un po' con la PlayStation. Verso le 12:30 mangio poi faccio il sonnellino quotidiano. Mi sveglio verso le 16 e 30/17, faccio merenda, guardo la tv. Verso le 20, più o meno 20 e 30, mangio. Poi dormo un po' perché alle 22:30 tutte le sere mi sento con la ragazza. Prima che ci fosse il coronavirus mi vedevo e per non sentirla distante ci facciamo la videochiamata su WhatsApp.
A una certa ora dormo. Ritorno a fare la routine come il giorno prima.

Salvatore